Sarà l’Elan 33 a gareggiare per la Lega Navale Italiana alla “Palermo-Montecarlo”, al via il 21 agosto da Mondello

Da sinistra: Elio Lo Cascio; Vincenzo Autolitano; Maurizio Caleca; il Presidente della LNI Sez. Pa Centro, Beppe Tisci; Gabriele Amico; Virgilio Caleca; Fulvio Palumbo Cardella; Seifedine Shimi

Da sinistra: Elio Lo Cascio; Vincenzo Autolitano; Maurizio Caleca; il Presidente della LNI Sez. Pa Centro, Beppe Tisci; Gabriele Amico; Virgilio Caleca; Fulvio Palumbo Cardella; Seifedine Shimi

Velisti e marinai insieme per condividere l’amore per il mare, dando vita a una competizione che quest’anno, in occasione dell’atteso decennale, vedrà levare le ancore dal Golfo di Mondello per raggiungere, baciati da sole e salsedine, ma anche con molta più determinazione, nel Principato di Monaco.

A “salpare” il 21 agosto, per la Sezione Palermo Centro della Lega Navale Italiana, sarà un’imbarcazione di dieci metri con un equipaggio di sette persone.

Una sfida nella sfida, quella che vivrà Mago Blu, l’Elan 333 dell’armatore e timoniere Fulvio Palumbo Cardella, tre volte vincitore della Coppa dello Ionio Gran Crociera, che gareggerà sotto il guidone LNI con un team interamente formato da soci della Sezione, pronto a solcare 500 miglia di uno dei mari più belli del mondo, per animare un evento sportivo e glamour e tagliare il traguardo, surclassando in tal modo le altre 40 barche in gara.

Di provata esperienza, ma soprattutto dotati di grande sensibilità, i partecipanti alla competizione. Ad affiancare l’esperto timoniere saranno: Virgilio Caleca (tailer), Vincenzo Autolitano (co-tailer), Maurizio Caleca (randista), Gabriele Amico (prodiere), Elio Lo Cascio (drizzista) e Seifedine Shimi, detto Seif (uomo all’albero).

Quest’ultimo, è un ragazzo extracomunitario, giunto in Italia minorenne e senza famiglia, avvicinatosi alla vela nell’ambito della collaborazione tra LNI e Dipartimento di Giustizia minorile. Da un paio di anni, partecipa a uno dei programmi sociali della Scuola proposta dalla Sezione di Palermo.

Impegnata da anni nell’utilizzare questa disciplina quale strumento di integrazione, la Lega Navale Italiana vivrà come sempre la partecipazione alla regata quale testimonianza concreta di uno sport che può essere davvero per tutti.

Su tutte le imbarcazioni verrà montato il sistema di georeferenziazione satellitare Geomat Web Tracking Solution, che permetterà di tracciare la posizione delle imbarcazioni e di seguire la gara in tempo reale sul sito http://www.geomat.it. In aggiunta a tale tracking ufficiale, su Mago Blu ci sarà una webcam wireless che trasmetterà le immagini e i momenti salienti della competizione attraverso il blog http://www.lnipamontecarlo.blogspot.com.

Analogamente allo scorso anno, il percorso prevede un gate proprio fuori dal golfo di Porto Cervo, con classifica separata per questo passaggio; il ché costituisce un’opportunità favorevole per le imbarcazioni più piccole, come quella palermitana.

Numerosissimi momenti emozionanti di una manifestazione come questa che, nei suoi primi nove anni di vita,  ha visto passare proprio da Mondello le barche più famose i velisti più acclamati e amati del mondo.

L’imbarcazione più grande in assoluto ad aver partecipato alla “Palermo-Montecarlo” è stata Senso One, il super maxi di 140 piedi (45 mt) ex Mari Cha III, detentore di record oceanici, del Royal Yacht Club di Malta, portato da Olivier Lazhchameur, che nel 2008 conquistò la line-honours e il record della regata in poco più di 52 ore, restando ancora oggi il terzo miglior tempo di tutte le edizioni.

Pierre Casiraghi

Pierre Casiraghi

La scorsa edizione, poi, ha vantato la presenza di Pierre Casiraghi, figlio della principessa Carolina di Monaco, vittorioso in tempo reale con il TP52 Monaco Racing Week di Guido Miani e Giorgio Martin.

Un successo, che ha portato anche il Principe Alberto II di Monaco a presenziare alla premiazione finale.

Due gli ambiti premi in palio: il “Trofeo Angelo Randazzo”, in onore del Presidente del Circolo della Vela Sicilia e ideatore della regata, e il “Trofeo Giuseppe Tasca di Almerita”, istituito per il fondatore del Circolo stesso, che verrà assegnato allo yacht che arriverà primo in tempo reale.

Una delle barche più attese che partirà da Mondello sarà il mini-maxi Botta Dritta, Advanced 66 lungo 21 metri di Adalberto Miani dello Yacht Club de Monaco.

Il 26 agosto, dunque, si svolgerà la premiazione della prestigiosa competizione, organizzata dal Circolo della Vela Sicilia e dallo Yacht Club de Monaco, in collaborazione con lo Yacht Club Costa Smeralda.

Sarà, anche questa volta, una cerimonia emozionante sotto tanti punti di vista, che avrà luogo nella nuova sede dello Yacht club de Monaco, capolavoro firmato dal celebre architetto Lord Norman Foster.

Gilda Sciortino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...