Affidata alla Lega Navale Italia Azimut, barca a vela sequestrata con clandestini a bordo

L'Azimuth

L’Azimut

Era stata trovata a marzo del 2014, alla deriva, nei pressi dell’isolotto della riserva naturale di Vendicari. A bordo, decine di immigrati clandestini, speranzosi che lo sbarco sulle nostre coste avrebbe cambiato le sorti della loro vita.

Sequestrata dalla Guardia di Finanza in collaborazione con la Guardia Costiera, Azimut é il nome di questa imbarcazione a vela a due alberi di più di 12 metri – è stata affidata in custodia alla Lega Navale Italiana dalla Procura di Siracusa lo scorso luglio. In virtù della sua natura giuridica di ente pubblico non economico, che le consente di rientrare nelle previsioni di legge per l’affidamento di beni sequestrati, la presidenza nazionale della Lega Navale Italiana è stata autorizzata a disporne come ritiene più opportuno.

«Dopo l’affidamento, Azimut è stata oggetto di alcuni interventi di manutenzione straordinaria presso la base nautica della LNI Siracusa – afferma Beppe Tisci, presidente dalla sezione palermitana della Lega -. Un lavoro che ha dato un prezioso contributo, collaborando attivamente ed efficientemente con i soci ed esperti velisti palermitani, per renderla idonea alla navigazione che ben presto dovrà affrontare».

Completate tutte le procedure burocratiche di legge e perfettamente navigante, domenica 26 ottobre l’imbarcazione partirà per essere ormeggiata presso la Sezione di Palermo Centro, dove verrà utilizzata per i fini istituzionali: in modo particolare per attività volte alla tutela dell’ambiente marino, per la scuola vela e  le attività sociali del progetto “Oltre le barriere”.

La cerimonia si svolgerà alle 10.30 presso la Base Nautica LNI Siracusa. Saranno presenti: il Direttore Generale LNI, Ammiraglio Sergio Caruso; il delegato LNI Sicilia occidentale, Carlo Bruno; il delegato Sicilia Orientale, Ammiragio Stefano Leuzzi; il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, Antonio Nicastro; le più alte autorità civili e militari insieme ai rappresentanti della Forze dell’Ordine che hanno partecipato alla brillante operazione.

Subito dopo i soliti convenevoli, un equipaggio di soci della Sezione Palermo Centro solcherà le 187 miglia necessarie per portare la barca alla nuova base nautica del capoluogo siciliano e consentirle di cominciare una nuova e più felice vita.

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...