Concluso il 38° campionato di vela d’altura. Meritati i tanti trofei per il Centro Velico Siciliano

10915213_1519033128357137_3835532396623308113_nBen 45 le barche che sono scese in mare per partecipare alla chiusura del “38° Campionato Invernale d’altura”, organizzato dal Centro Velico Siciliano.

Un’ultima prova che doveva prevedere la consueta regata costiera Mondello-Isola-Mondello, ma che non è stato possibile disputare per la mancanza della meda del depuratore di Isola, asportata dalle ultime mareggiate. Si è, così, deciso di ripiegare su un percorso di quasi 8 miglia, da S. Erasmo a Capo Mongerbino e ritorno.

Ad accogliere e accompagnare i partecipanti un maestralino dolce e costante di circa 10 nodi, che ha consentito di solcare acque abbastanza tranquille.

«Se non fosse stato per lo slalom tra sacchetti e tronchi d’albero, risultato delle mareggiate delle settimane scorse – affermano gli organizzatori -, poteva dirsi una prova di tutto respiro, ma alla fine è andato tutto bene e ci siamo veramente divertiti».

En plein di trofei per il Centro Velico Siciliano, dal momento che con i colori del circolo hanno corso tutti i primi classificati: per i Crociera/Regata e C/R Senior, il “Gran Soleil 40 RC Alvarosky” di Francesco Siculiana che, nonostante l’equipaggio “giovane” – velisticamente parlando – di questa stagione, sale sul podio con 5 punti, conquistando i primi posti. Secondo classificato, “Cochina” di PierGiorgio Fabbri con 14 punti, registrando un notevole distacco dal vincitore. Terzo, il “Gran Soleil 343 Blue Moon” di Giuseppe Cascino, che soffia il piazzamento a “Obi-Wan”. Quest’ultimo porta a casa pure il primo premio della sua categoria – la Senior – essendo stato previsto un trofeo aggiuntivo sulla classifica estrapolata dalla precedente. Secondo, “Saudade” di Marco Monastero, mentre terzo “Silver Bullet” di Mario Badami.

Per la categoria Gran Crociera a vincere il duello storico tra i due piccoli “Sciacchetrà”, “Idefix” di Giuseppe Valenti, mentre “Shedsea” di Guardì/Albanese si piazza terza; in mezzo ai due “litiganti” si colloca “Oxidiana” di Ignazio Cusumano, condividendo lo stesso risultato (9 punti) con “Shedsea”.

Caterina Risica sul suo "Cippalippa"

Caterina Risica sul suo “Cippalippa”

Rispetto, invece, alle Vele Bianche, come da bando è stato previsto un trofeo per ogni categoria ORC con più di 4 iscritti. Anche qui svettano le barche con il guidone “Centro Velico Siciliano”. Per la ORC 3 salgono sul podio, in ordine: “Gaia” di Vincenzo Piacenti, “My Wind” di Fabio Pantaleo e “La Cicala” di Italo Tripi; Per la categoria ORC 4: primo, “May Be III” di Cosimo Di Fatta; secondo, “Ferrofilato” di Raffaele Antronac; terzo, “Lybre” di Alessandro Gallo. Infine, per la ORC 5, primo posto al “Payaya” di Sebastiano Maiorana; secondo, al “Cippalippa” di Cristina Risica, con equipaggio interamente femminile; terzo, al “Fantasia” di Giuseppe Polizzi.

Come sempre, tutti felici di avere partecipato, tutti orgogliosi del proprio piazzamento, come pure di quello altrui, nello spirito agonistico più puro, cioè quello che considera e vive lo sport come occasione per stare insieme e, proprio nel caso della vela, respirare e vivere il mare per il profondo amore verso la natura. Ma anche e soprattutto nel pieno rispetto delle regole, senza le quali non si può pensare di affrontare il mare.

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...