“Ficarra Contemporay Divan”, al via la seconda Residenza d’artista con Lois Weinberger

Weinberger e Mauro Cappotto

Lois Weinberger e Mauro Cappotto

Ha preso il via la seconda Residenza d’artista di “Ficarra Contemporary Divan”, il progetto di arte contemporanea promosso da “La Stanza della Seta – Museo Palazzo Milio”, in collaborazione con il Comune di Ficarra e con la direzione artistica di Mauro Cappotto.

Fino al 29 agosto l’artista austriaco Lois Weinberger sarà ospite d’eccellenza del paese di Ficarra, dove sta lavorando a un progetto specificatamente ideato sul territorio e realizzato con maestranze e materiali locali. La residenza è seguita dal curatore senior Lorand Hegyi. A breve, inoltre, avrà inizio la seconda Summer School con 10 giovani artisti italiani, coordinata dal curatore junior Vincenzo Estremo.

La presenza a Ficarra dei due artisti è accompagnata da una serie di eventi culturali, in un’ottica di promozione del territorio, delle sue eccellenze e delle numerose potenzialità che è possibile sviluppare anche attraverso l’arte contemporanea.

«Con l’inizio della residenza di Lois Weinberger, che si aggiunge a quella di Canoilas – afferma Mauro Cappotto, direttore artistico del progetto -, nel paese di Ficarra si assapora sempre più un’atmosfera vivace e produttiva che coinvolge l’intera comunità. Weinberger ha già iniziato a lavorare fra le stanze del Museo Palazzo Milio e la campagna circostante Ficarra, operando in stretto rapporto con la natura».

Ficarra

Ficarra

“Ficarra Contemporary Divan” – che ha come partner tecnico la Fondazione Brodbeck ha fra i suoi protagonisti anche l’artista portoghese Hugo Canoilas.

«Il mio progetto, intitolato “Neophyt” – spiega Weinberger – è una ricerca artistica sulla vegetazione spontanea del luogo. Le piante sono creature che interagiscono con tutti i sistemi flessibili circostanti a noi;  le piante viaggiano e il mio lavoro riguarda proprio il loro spostamento, i processi migratori, l’essere stranieri. Io stesso sono uno straniero qui e devo confrontarmi con questa condizione, sperimentando le differenze. Considero questi spostamenti come atti poetici e politici, oppure come una politica poetica nella quale  la poesia è intesa sia come un’espansione a più livelli sia come una condensazione».

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...