Alimena ancora più europea grazie alle opere di Piero Giarratana, in mostra sino al 23

11825580_1794605540765803_2587188387854448912_n[1]“Storie di pietre” è il titolo della mostra del pittore Piero Giarratana, che si potrà visitare sino a domenica 23 agosto, nell’affascinante cornice della Chiesa del Calvario di Alimena.

Promossa dall’amministrazione comunale, dal sindaco Alvise Stracci e dall’assessore alla Cultura Mari Albanese, l’esposizione presenta opere di questo artista, veramente uniche nel loro genere, concesse dai nipoti Giancarlo Lo Mauro e Monica Giarratana, grazie all’ausilio dell’artista petralese Enzo Rinaldi.

Nato ad Alimena il 15 agosto del 1921 e morto il 20 gennaio del 1996, Giarratana è  stato autore di quadri realizzati esclusivamente con sassi, minerali e sabbia su legno: l’unico, nel panorama internazionale, a utilizzare questa tecnica in chiave figurativa, ottenendo numerosi riconoscimenti in Italia e anche all’estero. Le sue opere sono, infatti, presenti in musei e collezioni private in Italia e all’estero. L‘ultima sua mostra ad Alimena risale al 1978.

Preziosa, quindi, quella in atto ad Alimena, il cui allestimento è stato curato dall’architetto Paolo Cuccia, considerato anche che ha ricevuto il patrocinio dell’Ente Parco delle Madonie, della Rete Internazionale ed Europea del Geopark, come anche della Proloco di Alimena. Lead sponsor dell’evento è, invece, il  Museo dell’Opera dei Pupi siciliani delle Madonie, diretto da Angelo Sicilia.

Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar...1986

“Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar..” (1986)

«Non posso che esprimere una grande soddisfazione ed emozione per il successo che sta riscuotendo la mostra – afferma l’assessore alla Cultura, Mari Albanese -. In pochi giorni si sono potuti registrare quasi mille visitatori, segno di come la bellezza delle opere di Giarratana continui a parlare alla sensibilità di chi lo ha conosciuto e non solo. Abbiamo avuto il grande merito di riportare alla luce un artista straordinario, purtroppo dimenticato negli ultimi anni. Grazie a questo gioiello, Alimena si è trasformata in una piccola capitale europea».

L’apertura quotidiana della mostra, visitabile dalle 18 alle 21, è garantita dalle associazioni locali “La Buona Compagnia” e “La Misericordia”, insieme a un gruppo di giovani ragazze innamorate dell’arte.

«Quanto si sta realizzando – aggiunge in conclusione il primo cittadino – è il frutto di collaborazioni sinergiche con la società civile. In tanti si sono spesi per l’allestimento e per la buona riuscita dell’evento, realizzando il grande sogno di molti. Piero Giarratana è finalmente tornato a casa».

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...