Migranti, i minori non accompagnati sbarcati oggi a Palermo saranno accolti nelle strutture del territorio

SBARCO CLANDESTINIGià da stasera tutti i minori non accompagnati, giunti oggi al porto di Palermo dopo il loro salvataggio in mare a opera della Guardia Costiera, di altre forze internazionali o semplici pescatori, saranno alloggiati in strutture adeguate. Così come avvenuto fino a oggi per gli oltre mille minori nelle stesse condizioni arrivati da noi nelle scorse settimane. Chiaramente, quelli che risulteranno avere i genitori. resteranno con questi.  

«Non possiamo negare che in questi mesi la nostra città, come tutta la nostra Regione e le altre realtà del Meridione, ha affrontato e sta affrontando un’emergenza, dovuta alle scellerate politiche che
obbligano migliaia di uomini, donne e bambini a essere vittime di trafficanti senza scrupoli – ha affermato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando -, ma grazie a una forte collaborazione fra tutte le istituzioni coinvolte, peraltro rafforzata dall’impegno umano e personale di tutti gli operatori e di decine di volontari, è ormai entrato a regime un sistema di accoglienza efficiente che assicura assistenza sanitaria, vitto e alloggio a tutti coloro che ne hanno bisogno e diritto».

Via via che si completeranno tutte le procedure di identificazione e dopo i controlli sanitari svolti dal personale dell’ASP, sempre di concerto con le altre autorità competenti e con la Prefettura di Palermo, i giovani non accompagnati verranno  trasferiti presso strutture dislocate nel capoluogo siciliano o in altre città, la cui localizzazione non sarà ovviamente resa pubblica per motivi di tutela della privacy.

«Teniamo sempre presente che i nostri servizi sociali, in continuo contatto sia con le altre istituzioni sia con gli enti del volontariato e le strutture di accoglienza – aggiunge l’assessore alla Cittadinanza Sociale, Agnese Ciulla –  operano con grande professionalità e dedizione, predisponendo già prima che i minori arrivino a Palermo le misure necessarie alla loro accoglienza. Tutto questo, interloquendo con la Magistratura Minorile, con la Prefettura e tutti coloro che per competenza istituzionale, professionalità e dedizione personale sono partecipi di questo grande impegno di solidarietà».

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...