Al Mandralisca di Cefalù le opere di Carlo Levi. Sono 29 dei 145 disegni che realizzò durante il suo “periodo buio”

Una delle opere di Levi

Una delle opere di Levi

Saranno esporti sino al 28 settembre, al Museo Mandralisca di Cefalù, i disegni del “periodo buio” di Carlo Levi.

Si tratta di 29 opere che lo scrittore realizzò nel 1973, quando un distacco della retina lo costrinse a una grave forma di cecità. Ma, non per questo, cessò di scrivere e di disegnare.

Levi produsse 145 disegni, 29 dei quali sono ora esposti a Cefalù.  Le opere del “periodo buio” sono state realizzate da Levi durante la degenza in una clinica romana;  esperienza della quale è rimasto anche un diario, “Quaderno a cancelli”, pubblicato postumo da Einaudi. I disegni, invece, sono stati recuperati da Antonino Milicia che conobbe Carlo Levi a Zurigo, dove era emigrato.

Le opere riproducono il mondo interiore dal quale lo scrittore ha attinto le immagini di una vita, che continuava a vivere anche quando non era più in grado di vederla.

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...