C’era una volta un piano…che oggi ci racconta un pezzo della nostra storia

C'era un piano_Simona Malato_2

Simona Malato

Uno spettacolo originale che, dipanandosi tra narrazione, musica e immagini, racconta un capitolo di storia palermitana attraverso le vicende di un singolare pianoforte.

ÈC’era un piano”,  nato da un’idea di Olivia Sellerio, interprete di memorabili canzoni, che ne ha appunto scritto i testi insieme a Nino Vetri. In scena, ci saranno anche Gigi Borruso, Simona Malato e i musicisti Roberto Gervasi (fisarmonica), Lino Costa (chitarra), Paolo Pellegrino (violoncello), Alessandro Venza (chitarra e percussioni). La regia dello spettacolo è dello stesso Borruso, mentre Ferrucci Bigi ha realizzato le scene, i costumi, le luci e il video.

Il suo debutto alle 21 di mercoledì 13 aprile nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo,

Al centro della storia c’è un “piano” nella sua doppia accezione: un piano militare, quello delle forze di liberazione angloamericane, che prevedeva di colpire Palermo per sfinire la popolazione, già provata dalla lunga dittatura, scoraggiandola in vista dell’imminente sbarco. E c’è un altro piano, un vecchio pianoforte Blüthner, appartenuto a un’insegnante di musica, Maria Vullo, zia di Elvira Giorgianni Sellerio, prozia di Olivia, che da lei lo ha ereditato e ora lo porta in scena come sopravvissuto a un attacco che ha segnato profondamente la storia di questa città.

La storia del pianoforte inizia negli anni ’30 del secolo scorso. Abitava in via Archimede fino al 9 maggio del 1943. Quel giorno i bombardamenti angloamericani squarciarono la città. La famiglia che lo possedeva, sfollata a Casteldaccia l’indomani dei bombardamenti del 22 marzo 1943, dopo il raid aereo tornò come ogni volta a verificare le condizioni della propria abitazione.

Arrivati davanti al civico, i Vullo tirarono un sospiro di sollievo: la palazzina appariva integra. Varcato il portone, però, si vide che di intatto c’era solo la facciata. L’interno era sventrato, fatta eccezione per un lembo di casa: una stanza da letto e un pezzetto del salotto, una sorta di ballatoio rimasto miracolosamente in piedi. Il pianoforte era lì, perfettamente incolume. Fu portato a Casteldaccia sul carretto del pastificio dei Tomasello, amici di famiglia, insieme ai pochi mobili scampati al crollo, e sistemato nella stalla riadattata a soggiorno in un’ala minore della casa vinicola del Duca di Salaparuta; lì i Vullo e i Giorgianni erano sfollati e Maria Vullo impartiva lezioni a notabili, artigiani e contadini del paese.

C'era un piano_Olivia Sellerio & Band

Olivia Sellerio & Band

Nei primi anni ’60 il pianoforte tornò a Palermo, nella nuova casa di via Pirandello, dove nei successivi venticinque venne suonato da generazioni di palermitani e dai tanti nipoti e pronipoti. E proprio li, in casa delle zie, all’indirizzo che per qualche tempo fu quello ufficiale della sua casa editrice, Elvira Sellerio riceveva la posta degli inizi, la smistava sulla scrivania di fronte al pianoforte mentre Olivia lo studiava al pomeriggio.

Ci piace pensare che quel pianoforte sia sopravvissuto per raccontarci oggi, insieme a fotografie d’epoca, alcune foto di Enzo Sellerio e a una rosa di canzoni memorabili interpretate da Olivia Sellerio, queste pagine della nostra storia, di una famiglia e una città in tempo di guerra.

Lo spettacolo replicherà al Teatro Biondo, che lo ha prodotto, fino a domenica 17 aprile.

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...