Letizia Battaglia, Emma Dante e Veronica D’Agostino al Teatro Biondo raccontano la loro Sicilia

 

6f595bb6-8b11-4a5b-a357-f36a63fc4947.jpg

Letizia Battaglia

S’intitola Questa ferita il documentario sonoro, realizzato dagli autori tedeschi Heike Brunkhorst e Roman Herzog, che verrà presentato in prima nazionale alle 19 di venerdì 22 aprile nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo. Un’opera, trasmessa alla fine di marzo dalle radio pubbliche tedesca e austrica, Deutschlandfunk e ORF.

Alla presentazione e all’ascolto ci saranno gli autori, ma anche le tre protagoniste del documentario: Letizia Battaglia, famosa in tutto il mondo per le sue fotografie di vittime della mafia, per tutta la sua vita si è battuta contro il potere e la violenza degli uomini;  Emma Dante, scrive e mette in scena in tutto il mondo originali e controverse opere di teatro sulla famiglia, smascherando la violenza che si nasconde dietro alla facciata del perbenismo e delle convenzioni sociali;  Veronica D’Agostino, nata a Lampedusa,  lavora in un albergo vicino a Genova, ma è anche attrice da quando Emanuele Crialese l’ha scoperta per il film Respiro.

e8fdad19-c6b1-40d2-b231-b47378748d8a

Emma Dante

Tre donne siciliane di tre generazioni diverse, accomunate dallo stesso ambivalente sentimento di odio e amore nei confronti della loro isola, ma sempre alla ricerca di una Sicilia diversa, in grado di fare emergere le profonde ferite, per scoprire la bellezza nella bruttezza.

In Questa ferita tutte e tre parlano delle loro vite, dei loro mestieri e della forza dell’arte, del significato di essere donne in Sicilia, della violenza contro le donne, della mafia e degli uomini, degli anni delle stragi e della Sicilia di oggi, in cui sembra non esserci più futuro, soprattutto per i giovani, mentre la forza della creatività cerca comunque di aprirsi nuove strade.

Dalle loro testimonianze emerge il ritratto di una Sicilia inconsueta e capace di dare speranza.

Il documentario, auto-prodotto da Brunkhorst/Herzog, dura 63 minuti e si avvale della voce narrante di Patrizia Bollini, come anche della musica gentilmente concessa dai Fratelli Mancuso.

Dopo l’ascolto il pubblico sarà invitato al dibattito con le protagoniste. L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti.

Gilda Sciortino

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...