Infuoca il pubblico la performance di Massimo Milani. Al Kalhesa, moda e arte insieme grazie a Tiziana Di Pasquale

Massimo Milani al centro.jpgLa scommessa era dura in quanto riuscire a coinvolgere il pubblico in un normale pomeriggio infrasettimanale, promettendo un evento di moda, cultura e sociale che rivalutasse uno dei più belli e ambiti salotti palermitani, poteva non essere vinta. E si perché, non sempre il capoluogo siciliano risponde a chi vuole far capire che la moda, l’arte e la creatività possono andare a braccetto con il sociale, contenuti in spazi e contesti altri rispetto a quelli in cui, a calcare le passerelle, sono i soliti noti, vip o nomi di ultimo grido.

Ecco perché “Le quattro stagioni. Un dolce incontro con Vivaldi”, evento tenuto nella suggestiva cornice del Kursaal Kalhesa, è stato un vero successo, capace di bissare il positivo riscontro della “Prima”  tenuta al Caffè del Teatro Massimo.

Un pomeriggio, che ha letteralmente rapito quanti hanno avuto la fortuna ma anche la lungimiranza di esserci, con la moda di Maria Vello e Carmen Vulcano a fare da padrona, insieme a una serie di elementi a dare completezza al tutto.

Un insieme che ha trasformato in evento glamour questo appuntamento cittadino, pensato dall’inizio alla fine da Tiziana Di Pasquale, estrosa creatrice di gioielli che, sfruttando la fibra di fico d’india, realizza veri e propri pezzi da collezione. DartDesign il brand che ormai la caratterizza, amato e acclamato su diverse passerelle siciliane e non solo.

Le modelle con Tiziana Di Pasquale al centro (Foto di Peppe Volpes).jpg

Le modelle con Tiziana Di Pasquale (Foto di Peppe Volpes)

Un evento glamour, dicevamo, che emerge anche e soprattutto per il suo volere essere sopra le righe e fuori da ogni contesto solito. Prima di tutto per la presenza delle ormai note “followers”, semplici e normali donne che nella vita di tutti i giorni fanno tutt’altro, ma che in questa occasione, come in molte altre in cui la Di Pasquale le coinvolge, hanno solcato la passerella con passo sicuro e sinuoso, dimenticando la timidezza e l’incertezza che caratterizza chi non è avvezzo a tali manifestazioni.

Bravissime, dunque, a percorrere il red carpet del Kalhesa: Alessandra Affatigato, Alessandra Apuzzo, Antonella Leone, Caterina Tarantino, Daniela Milazzo, Daniela Natale, Giusi Piegari, Giusi Maggio, Lina di Paola, Lavinia Celano, Patrizia Gattuso e Mariangela Tortorici. Doppia veste, poi, per quest’ultima che, lasciato per qualche minuto il camerino delle colleghe, ha riempito di poesia il Kalhesa leggendo alcuni passi del suo primo libro “L’isola del vento”, nel quale narra di paesaggi lontani, emozionando non poco i presenti, rapiti dall’onda emotiva con cui l’autrice è riuscita a trasportare lontano.

E anche lei, la Tortorici, insieme alle amiche followers, ha indossato con grazia ed eleganza i gioielli DartDesign,  impreziosendo gli abiti delle due stiliste che, ognuna a modo proprio, interpretano la moda raccontando un po’ di se stesse.

Maria Vello e Carmen Vulcano (Photo Salvo Quagliana).jpg

Le stiliste, da sinistra, Maria Vello e Carmen Vulcano (Foto di Salvo Quagliana)

«Una serata bellissima e da ricordare – commenta Maria Vello – dove ho potuto fare ammirare tanti abiti, ma anche e soprattutto i semplici foulard che hanno caratterizzato la mia collezione su tela e stoffa. Abiti allegri, pieni di vita, che possono riempire di anima le giornate di molte donne”.

Serate speciali, quelle in cui gli abiti di Carmen Vulcano prendono vita. “Proprio questa collezione costituisce l’ulteriore tappa della mia crescita personale. Ho, infatti, deciso di aggiungere sapere alla mia professione, frequentando un’ Accademia internazionale di taglio e cucito. Posso, quindi, dire che dalla teoria sto passando alla pratica».

Sette le modelle professioniste scelte per l’occasione: Agnese Caccamo, Alessia Di Blasi, Claudia Cuneo, Costanza Dumas, Francesca Leone, Gabriella Papadia e Ludovica Piro. Ad alcune di loro è spettato il bellissimo compito di indossare i gioielli in fibra della collezione Eclettica e quelli della collezione Vulcanica 2016.

Passerella nella quale non è mancata la sorpresa dal momento che, a percorrerla con passo deciso, è stata anche la stessa Di Pasquale, dimostrando di non avere niente da invidiare alle professioniste del settore.

Abiti e gioielli, dunque, per sottolineare la cui beltà ci ha pensato la musica selezionata da Dario Caminita per dare ritmo all’intero evento, ma anche per accompagnarsi nella presentazione di alcuni ospiti. Voce fuori campo con “L’Audacia”, quella di Alice Pantaleone, che ha accompagnato l’attesa tra un’uscita e l’altra.

Foto di Roberta ErreMusica, dicevamo, scelta da Caminita per scandire il cambio di registro della serata, ma anche per determinare vere e proprie performance: come quella di Enzo Gervasi con il suo magico sax.

Dulcis in  fundo, la presenza della QUIR, al secolo Massimo Milani che, con il suo incedere sensuale e anche un po’ ironico su red carpet, in tono con il suo abito rosso fuoco, ha dimostrato che la classe si  può avere sempre e comunque, in qualunque situazione si possa essere.

«E’ qualcosa che viene da dentro – spiega al microfono, raccontandosi anche un po’ al pubblico in sala – ma che si alimenta restando sempre se stessi. Quando qualcuno parla di normalità,  io sto quasi male perché ritengo che la normalità non esista. E’ un concetto voluto da chi desidera creare  confusione. Se, poi, vogliamo per forza di cose definirlo, è solo quello che siamo. Questa sfilata dimostra che la moda può essere vestita da chiunque, trasformando l’eccezionalità in quotidianità e viceversa».

Mariangela Tortorici (Foto di Peppe Volpes)

Mariangela Tortorici (Foto di Peppe Volpes)

Una presenza, dunque, capace di riempire di ulteriori contenuti un evento che ha fatto ancora una volta parlare di sé. Un momento di ulteriore glamour, alle soglie del Pride che il 18 giugno vedrà in prima fila anche quest’anno Massimo Milani, nuovo coordinatore dell’edizione 2016 della manifestazione.

«Un altro momento di alto spessore sociale – dichiara in conclusione Tiziana Di Pasquale – che ha reso il nostro pomeriggio ancora più speciale. Avere voluto che la QUIR partecipasse e sfilasse tra modelle professioniste e followers, è stata un’idea vincente sotto tutti i punti di vista. Devo, poi, dire grazie alle followers che, come una grande famiglia, mi seguono sempre, dimostrandomi tanto affetto.  Si è realizzata quella comunione di intenti che volevo ci fosse tra tutte. Una  serata dedicata alla moda, in cui la  cultura ha fatto da padrona, dimostrando che la moda fine a se stessa, senza alcun  contenuto, non porta alcun messaggio».

Tra le presenze della serata va citata quella del maestro Ignazio Pensovecchio, che ha donato un suo quadro alla manifestazione, per poi sorteggiarlo tra il pubblico. A vincerlo è stato il piccolo Marco che, una volta tornato a casa, ci dicono gli stessi genitori, lo ha voluto posizionare nel salotto di casa.

Al baritono Giuseppe Cellura è spettato l’arduo ma graditissimo compito di chiudere la serata intonando le note profonde e cariche di significato che gli sono proprie. Gli scatti, anche questi magici, sono stati firmati da 4 rinomati professionisti della fotografia come Roberta Erre, Salvo Quagliana, Peppe Volpes “PV Fashion&Portraits” e Nicola Vittorioso.

Aurora Della Valle

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...