Shlomo Mintz torna a Palermo e offre il suo tocco da maestro a Palermo Classica

 

Shlomo Mintz3

Shlomo Mintz

Arriva al suo appuntamento più importante e atteso la rassegna Palermo Classica, il cui prosssimo fine setimana si farà veramente ricordare.

Alle 21.30 di sabato 20 agosto, nel cortile della Gam, torna il grande violinista Shlomo Mintz impegnato nel “Concerto n.1 per Violino e Orchestra, Op.35”, unico concerto per violino composto da Tchaikovsky.  Fu completato intorno al 1878, ma venne eseguito per la prima volta soltanto tre anni dopo, perché la sua difficoltà tecnica era tale che i violinisti si rifiutavano di affrontarlo.

Mintz lo proporrà, accompagnato dalla Palermo Classica Symphony Orchestra diretta dallo spagnolo Francisco Maestre. Il concerto si articolerà in tre movimenti: Allegro moderato, Canzonetta, Finale Allegro Vivacissimo. L’Allegro moderato è costruito in una forma sonata molto originale, caratterizzata dalle evoluzioni del violino che propone un tema fresco ma incalzante che conduce all’elaborazione orchestrale del tema.

Giuseppe Nova

Gisueppe Nova

Nel secondo movimento, la Canzonetta, il solista introduce un tema molto espressivo che sarà ripreso dal flauto. Il Finale, Allegro Vivacissimo, ha come protagonista il violino solo ed è caratterizzato dal più brillante virtuosismo di tutto il concerto. Completano il concerto, la “Danza Bacanal Op.47” dal “Sansone et Dalila” di Camille Saint-Saens, eseguita per la prima volta a Weimar, nel 1877; e la famosa “Carmen Suite” di Bizet, divisa in nove momenti: Les Toréador, Prélude-Aragonaise, Séguidille, Les Dragons D’Alcala, Habanera, Intermezzo, Chanson de Toréador,  Danse Bohéme. Venne eseguita per la prima volta a Parigi il 10 novembre del 1872.

Domenica 22, ma allo Steri, ecco il flautista Giuseppe Nova, tra i più rappresentativi flautisti italiani della sua generazione.  Per l’occasione affronterà i “6 concerti, Op.10” di Vivaldi, accompagnato dall’Ensemble Palermo Classica.

“L’opus 10” di Antonio Vivaldi è una serie di sei concerti per flauto, composti nel 1728. L’organico previsto è composto da flauto, archi, organo e basso continuo. Ulteriori informazioni su questo artista all’indirizzo www.giuseppenova.com.

Gilda Sciortino

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...