Cogito, quando un aperitivo può far bene alla mente

cogito-2

Da sinistra: Michele Serra, Roberto Alajmo e Pif

Quali sono le vostre scelte di vita quotidiana? Quanto tempo passate a lavorare, mangiare, dormire e divertirvi? E ancora, quali sono le sliding doors della vostra vita, le scelte che vi hanno portato là dove siete adesso? Domande tanto semplici ma, allo stesso tempo, complesse, fonti di dubbio e facilitatrici di riflessioni personali.

Al tema della Scelta è dedicato il numero uno di  “Cogito, un aperitivo per la mente” per  ascoltare, riflettere, parlare, ricercare, condividere ma, soprattutto, fare. Un’iniziativa che si svolgerà dalle 19.30 alle 21.30 di mercoledì 26 ottobre nella Sala Onu del Teatro Massimo di Palermo, realizzata in collaborazione con tutti coloro che interverranno. I dati  Istat, Almalaurea e Università di Palermo ci aiuteranno a tracciare una radiografia della società che abitiamo.

Cogito vuole essere un osservatorio di riflessione sulla realtà e sui fenomeni sociali contemporanei. Un “defibrillatore sociale” per tutti noi, improntato sull’ottimismo, sulla valorizzazione del Bene Comune.  Cogito riflette e fa riflettere: futuro,  ambiente, tecnologia e intelligenza artificiale, scuola, libri e cultura, arte, scoperte e misteri, start up, food, itinerari, famiglia, universo, italianità, rispetto per l’altro sono solo alcun degli argomenti che intende trattare. Cogito intende guardare alla nostra realtà in termini positivi per un miglioramento continuo, per analizzare i fenomeni culturali per meglio comprenderli, creare spazi di coesione e interazione sociale, realizzare occasioni di scambio. E lo farà divertendosi, attraverso le CogitAzioni di Salvo Piparo, diretto da Gigi Borruso con accompagnamento musicale di Lino Costa. Interverrà Simone Perotti, autore di “Adesso Basta” e “Avanti Tutta” (Chiarelettere). Il vero protagonista di Cogito, però, “saremo noi”, il pubblico che potrà diventare un moltiplicatore sociale. Cogito, ergo, faccio qualcosa.

logo.jpgIl progetto è nato da una idea di Alberto Tasca d’Almerita con l’obiettivo di valorizzare tutto ciò che “vive” attorno al sistema produttivo: l’ambiente, il paesaggio, la cultura e le tradizioni della comunità. Un “viaggio” che si concretizza nella promozione di eventi e attività culturali, per raccontare ciò che è positivo, interessante e che possa far crescere il territorio. Cogito non si lamenta mai, Cogito non critica ma propone soluzioni. E’ un momento serio, ma non serioso.

Cogito è partito da Palermo e per il Numero Zero, organizzato lo scorso 20 maggio in collaborazione con il Teatro Biondo, ha avuto Michele Serra come ospite a sorpresa. Tappa dopo tappa si fermerà in luoghi diversi per creare rete tra teatri,  spazi di cultura e urbani. L’ingresso all’evento di mercoledì 26 ottobre sarà libero fino ad esaurimento posti. E’, però, necessario prenotare, scrivendo a press@tascadalmerita.it.

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...