Greenpeace arriva anche a Palermo con “Plastic Free Week”

Greenpeace.jpgSi chiama “Plastic Free Week” la serie di eventi pubblici organizzata dal 3 all’8 luglio da Greenpeace in 16 città italiane, per sensibilizzare l’opinione pubblica su una delle più gravi emergenze ambientali dei nostri tempi: l’inquinamento da plastica. Numerose le iniziative in programma che coinvolgeranno i cittadini nella semplice pulizia di spazi verdi pubblici e di alcune spiagge, come anche negli aperitivi e pic nic accomunati dall’assenza di plastica monouso.

Secondo gli ultimi dati diffusi proprio da Greenpeace, nel nostro Paese il tasso di riciclo degli imballaggi è cresciuto negli ultimi anni dal 38 per cento del 2014 al 43 per cento del 2017. Ciò, tuttavia, non ha bilanciato l’aumento del consumo di plastica monouso, così le tonnellate di imballaggi non riciclati sono rimaste sostanzialmente invariate dal 2014 (1,292 milioni di tonnellate) al 2017 (1,284 milioni), vanificando di fatto gli sforzi e gli investimenti per migliorare e rendere più efficiente il sistema del riciclo. Oggi in Italia, di tutti gli imballaggi in plastica immessi al consumo, circa il 40 per cento, in termini di peso, viene effettivamente riciclato; il 40 per cento, invece, viene bruciato negli inceneritori, mentre il restante 20 immesso in discarica o disperso nell’ambiente.

«Gli eventi in programma durante la “Plastic Free Week” – dice Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace – dimostrano come sia possibile fare a meno della plastica monouso durante un aperitivo o un pic nic con gli amici, utilizzando stoviglie riutilizzabili e lavabili. Per ottenere, però, un rapido cambiamento che risponda al grave inquinamento dei nostri mari, è necessario che le grandi aziende, consapevoli che è impossibile riciclare tutta la plastica, la smettano di inondare il mercato con enormi quantitativi di imballaggi, avviando programmi per la drastica riduzione dei quantitativi di plastica monouso immessi sul mercato».

Villa Trabia.jpgMilano, Palermo, Trieste, Bari, Bologna, Firenze e Catania sono solo alcune delle città in cui si svolgeranno gli eventi della “Plastic Free Week”.  Nel capoluogo siciliano, per esempioo,  dalle 11 alle 16 di domenica 8 luglio, al “PYC – Villa Trabia“, immersi nella splendida cornice di questo rigoglioso parco urbano, si svolgerà il “PYC-nic senza usa e getta” . Sarà un’occasione per stare insieme, divertirsi e riflettere sull’impatto che ha la plastica usa e getta sul nostro Pianeta. Lo si farà attraverso attività per bambini, musica, laboratori e momenti di educazione ambientale. I partecipanti porteranno con sé il proprio cestino con cibo e stoviglie riutilizzabili. Ingresso gratuito. Per maggiori informazioni o dettagli, però, si può scrivere all’indirizzo di posta elettronica gl.palermo.it@greenpeace.org

Nel corso di tutti gli eventi sarà promosso anche “Plastic Radar“, il servizio lanciato da Greenpeace nelle scorse settimane per segnalare la presenza di rifiuti in plastica sulle spiagge, sui fondali o galleggianti sulla superficie dei mari italiani. Utilizzando la più comune applicazione di messaggistica istantanea, Whatsapp, al numero di Greenpeace 342.3711267 sono giunte alcune migliaia di segnalazioni e i risultati sono già disponibili in forma aggregata sul sito plasticradar.greenpeace.it. Per saperne di più anche rispetto a tutti gli eventi in programma:  (https://bit.ly/2lBCY3K).

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...