‘Lectio magistralis’ di don Antonio Mazzi al Real Teatro Santa Cecilia

locandina don mazzi“Dalla teoria dell’educazione alla poesia dell’educare”. È  questo il titolo dell’incontro in programma alle 21 di mercoledì 31 ottobre al Real Teatro Santa Cecilia, reso particolarmente speciale dalla presenza di don Antonio Mazzi. Una “lectio magistralis”, la sua, incentrata sull’importanza del recupero dell’educazione e del senso civico.

“Avere senso civico – dice  il fondatore della Comunità Exodus – significa avere la consapevolezza di far parte di una comunità e di essere in stretta correlazione con gli altri esseri umani. Significa rispettare gli altri, il gruppo, la comunità, sentirsi parte integrante di essa, sentire il senso di responsabilità oltre che di appartenenza”.

L’incontro, aperto a tutti, laici e i religiosi, sarà moderato dal consigliere comunale Giulio Cusumano, con interviste di approfondimento a cura della giornalista Anna Cane. Sarà presente il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

Una serata, preceduta alle 18, sempre al Santa Cecilia, dal  dibattito “Educare alla memoria”. In occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale, verrà presentato il testo “I fiumi mormoravano” di Anna Mauro.

Patrocinato dal Comune di Palermo in collaborazione con le  associazioni “Disincanto” e “Radici di Sole”, l’incontro sarà introdotto dal dott. Salvatore Demma e anticiperà l’omonimo spettacolo teatrale che andrà in scena il 29 Novembre al Teatro Orione di Palermo. Interverranno la regista Anna Mauro, gli attori Francesco Italia, Domenico Pane, Sandra Zerilli, insieme all’intero cast artistico.

FOTO DON MAZZI

Don Antonio Mazzi

La serata, invece, sarà aperta da un passo a due, un estratto dello spettacolo “Tra uomo e donna – No alla violenza sulle donne” con la direzione artistica di Leon Cino. Sue anche le coreografie, insieme ad Ernesto Forni e Dario Biuso con il corpo di ballo della “Trinacria Dance Company”. In prima serata anche un’introduzione musicale del coro “Pontis Mariae”, diretto dal teologo Tony Caronna.

Contestualmente si potrà sottoscrivere la  proposta di legge che prevede le modifiche alla disciplina della querela per i reati di violenza sessuale e atti persecutori (stalking), che tra le prime proponenti ha: Alice Anselmo, Caterina Cottone, Giada Traina, Valeria Sonseri, Cinzia Di Mattei, Angela Fundaro’ Mattarella, Antonella Madonia, Rita Ester Marsiglia, Rossella Cusumano, Rosaria Vinciguerra e Lidia Vivoli.

Nello specifico sono: Art. 1. Modifiche all’articolo 609 septies del codice penale. L’articolo 609 septies, comma 2, del codice penale, è così sostituito: «Il termine per la proposizione della querela è di un anno. Se la persona offesa muore prima che sia decorso il termine per proporre la querela, possono proporre querela i prossimi congiunti».

Art. 2. Modifiche all’articolo 612 bis del codice penale.  Nell’articolo 612 bis, comma 4, del codice penale, le parole «La remissione della querela può essere soltanto processuale. La querela è comunque irrevocabile se il fatto è stato commesso mediante minacce reiterate nei modi di cui all’articolo 612, secondo comma» sono sostituite dalle seguenti: «La querela proposta è irrevocabile».

Gilda Sciortino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...