Giornata della Memoria, le iniziative di Arteinsieme a Comiso

un sogno in sicilia.jpg

Un sogno in Sicilia

Due gli appuntamenti, promossi da Arteinsieme a Palazzo Labisi, nel cuore del centro storico cittadino di Comiso in occasione della “Giornata della Memoria”.

Sabato 26 gennaio, il gruppo teatro “Kaos”, diretto da Biagio Barone, proporrà “Il Tavolo della Memoria”. Cinque attori  – Rita Salerno, Salvina Schembari, Maurizio Bencivinni, Francesco Alessandrello e Biagio Barone – proporranno uno spettacolo itinerante che si snoderà nelle varie sale del palazzo. Il gruppo proporrà un excursus di brani teatrali e letture (tratti dai testi di Primo Levi, Anna Frank ed altri), tra cui “Scarpette rosse”.

In scena, anche sei alunni della scuola primaria “De Amicis”: Lucrezia Burrafato, Giada Guastella, Sebastian Giudice, Andrea Ferrera, Andrea Agosta, Beatrice Occhipinti, Giuseppe Presti. Lo spettacolo sarà accompagnato da brani musicali e filmati, proposti dal Liceo musicale “Bufalino” di Comiso.

Domenica 27, invece,  si potrà partecipare alla conversazione dell’archeologo Giovanni Distefano su “Ebrei e non Ebrei. Una storia antica. Il caso di Comiso”. Seguirà una testimonianza di Baruk Triolo. Le letture sono affidate a Rita Salerno, l’accompagnamento musicale è del Liceo “Bufalino”. Introdurrà i lavori il presidente di Arteinsieme, Marcello Nativo.

La famiglia spampinato e maria luisa occhione

La famiglia Spampinato e Maria Luisa Pcchione

I due appuntamenti si muovono su un doppio filone: il ricordo e le testimonianze del passato, quindi lo studio storico di una civiltà, quella ebraica, che ha segnato profondamente con la sua presenza, il territorio siciliano.

«Proporremo – spiega Giovanni Distefano – una rilettura della presenza degli Ebrei in Sicilia, dal IV secolo al VII secolo dopo Cristo. Lo faremo attraverso lo studio dei ritrovamenti archeologici: resti di sinagoghe, iscrizioni, ipogei giudaici. Nel territorio ibleo sono stati ritrovati: lucerne giudaiche a Kaukana, due tombe in contrada Piombo, l’iscrizione di “Giasone il fanciullo”, il resto di un’iscrizione funeraria a Chiaramonte, due lamine in oro con le scritte in ebraico e in greco nella zona di Comiso. Si tratta di testimonianze di una presenza che, con tutta probabilità, si è intersecata con quelle di altre culture (pagana e cristiana), come testimoniano alcuni ritrovamenti in zona».

Gli appuntamenti della Giornata della Memoria concludono il ciclo di “Arteinsieme (h)a Palazzo Labisi”. Dal 22 dicembre, lo storico palazzo signorile del XIX secolo, aperto per la prima volta al pubblico, ha ospitato la mostra collettiva di dieci artisti: Gino Baglieri, Arturo Barbante, Salvo Barone, Salvo Caruso, Giorgio Chessari, Salvatore Difranco, Francesco Iacono, Giovanni Emanuele La Lota, Marcello Nativo, Fabio Romano. Lo scorso 19 gennaio, invece, è stata proposta la manifestazione “Un sogno in Sicilia”, passeggiata tra ricordi e leggende. Lo spettacolo teatrale si è svolto nelle sale al piano terra del palazzo, con le voci narranti di Lella Lombardo e Ivana Sallemi e la musica di Giovanni Marotta. La serata è stata accompagnata dalla degustazione di prodotti tipici offerti da Siculìa.

«A Palazzo Labisi – commenta Marcello Nativo – abbiamo vissuto un intenso mese di appuntamenti. Moltissimi i visitatori della mostra, che ha riscosso un grande successo. Notevole, poi, l’interesse per gli appuntamenti culturali che abbiamo proposto. Siamo certi che quest’iniziativa ha lasciato il segno, soprattutto perché, per la prima volta, è stato riaperto questo splendido spazio che speriamo possa essere, anche nel futuro, un polmone culturale della nostra città».

Gilda Sciortino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...