Concorso giornalistico “Maria Grazia Cutuli”, indetto dalla Fidapa. Vincono gli studenti di Vittoria e Castelvetrano  

i vincitori con il gli organizzatori Fidapa, la giuria, i parenti di Maria Grazia Cutuli (primi due a sinistra)

I vincitori con il gli organizzatori Fidapa, la giuria, i parenti di Maria Grazia Cutuli (primi due a sinistra)

Si è tenuta nella prestigiosa “Sala delle Capriate”, all’interno dell’ex convento dei Frati Minori di Vittoria, la cerimonia di premiazione del concorso giornalistico “Maria Grazia Cutuli”. Giunto alla tredicesima edizione, il premio é stato organizzato dalla Fidapa con il patrocinio del Corriere della Sera e del Comune di Vittoria, ed è stato riservato alle ultime tre classi degli istituti secondari superiori. Numerosi gli studenti di diverse province che hanno partecipato.

La serata è stata aperta da Giusi Sferrazza, presidente della sezione Fidapa di Vittoria, insieme a Cettina Corallo, presidente del Distretto Sicilia. Presenti anche Sabina Cutuli, sorella di Maria Grazia Cutuli, insieme al cugino, Rosario Arcidiacono.

La cerimonia è stata preceduta da un convegno sul tema “Giornali, giornalismi, fake news”. Sul palco, al fianco della presentatrice Gianna Bozzali, anche Francesca Cabibbo (Giornale di Sicilia), Nadia Moretti (Rai Tg 2), Franco Nicastro (Ansa) e Antonello Piraneo (direttore de “La Sicilia”).

convegno giornalismi. da sin. Nadia Moretti, Franco Nicastro, Gianna Bozzali, Antonello Piraneo, Francesca Cabibbo

Da sinistra: Nadia Moretti, Franco Nicastro, Gianna Bozzali, Antonello Piraneo, Francesca Cabibbo

Un parterre di giornalisti di tutto rispetto che ha affrontato il problema delle fake news, fenomeno che ha avuto una particolare diffusione nell’era dei social media, che ha visto proliferare quelle notizie ritenute più credibili quanto più sono eclatanti, pur se prive di fondamento. Compito del giornalismo disinnescarle, ancorandosi al diritto/dovere di cronaca, nonché all’obbligo etico della verità, costituendo uno strumento utile e un punto di riferimento per arginare il dilagare di false notizie. Questo è il valore etico e contenutistico del giornalismo che, oggi più che mai, ha l’obbligo di garantire ai lettori un’informazione di qualità, con una verifica puntuale dei fatti e di testimoniare il “valore della verità”.

Ma passiamo alla premiazione che ha visto classificarsi al primo posto, nella sezione “stampa”, Tiziana Bologna della III A liceo scientifico  “Cipolla – Pantaleo – Gentile”, di Castelvetrano (Tp). Il secondo premio è andato a Benedetta Scerra, della classe V A dell’Istituto professionale “Guglielmo Marconi” di Vittoria. La giuria ha assegnato due menzioni speciali a Miriana Vona, della IV A del liceo classico “Giosuè Carducci” di Comiso, e a Giuseppe Lo Forte, III A del liceo scientifico “Giuseppe Mazzini” di Vittoria.

i vincitori. Tiziana Bologna, Benedetta Scerra, Miriana Vona, Nalin Fuschi, Giuseppe Lo Forte, Giuseppe Mangione

I giovani vincitori. Da sinistra Tiziana Bologna, Benedetta Scerra, Miriana Vona, Nalin Fuschi, Giuseppe Lo Forte, Giuseppe Mangione

Nella sezione “video”, il primo premio è stato assegnato a un gruppo di studenti dell’Istituto professionale “Guglielmo Marconi” di Vittoria: Giuseppe Mangione, Marco Impoco, Chiara Armonia, Alice Pulichino, Aurora Lupicino, Alexia Puccio, Marwa Lmazuzi, Elena Di Raimondo, Esma Hima, Michela Iannizzotto.

Al secondo posto, ex aequo, i video realizzati da Nalin Fuschi della III A del liceo scientifico “Mazzini” di Vittoria e dagli studenti del liceo scientifico “Cipolla – Pantaleo – Gentile” di Castelvetrano: Alice Amato, Gaia Bono, Aurora Rizzo, Rosy Murania, Vita Ignoto, Luigi Ditta, Claudia Maria Caime, di Castelvetrano e Luna Gabriele, Alessia Luppino, Serena Prinzivalli, di Campobello di Mazara.

La giuria era composta da Giusi Sferrazza, Annamaria Zagara (promotrice del concorso fin dal 2002), Lella Colombo e dai giornalisti Franco Nicastro, Andrea Di Falco e Francesca Cabibbo.

La serata è stata allietata dagli interventi musicali dell’ensemble di violini degli alunni del liceo “Mazzini” di Vittoria, diretto dalla maestra Michela Bonavita e dell’ensemble di chitarre degli alunni dello stesso istituto scolastico, diretto dal maestro Salvatore Salerno.

Sala delle Capriate

«Sono lieta di aver contribuito a questa tredicesima edizione del premio – commenta Giusi Sferrazza – . La buona e qualificata partecipazione di studenti ha dimostrato, con i lavori di questi ragazzi, grande impegno e capacità».

Per Annamaria Zagaram importante  ricordare le origini. «Alla notizia della morte di Maria Grazia Cutuli, nel novembre 2001, ci colpì la figura di questa giornalista capace di osare oltre ogni ostacolo, come anche il suo voler essere presente in zone di guerra senza paura. La prima edizione fu rivolta agli studenti di Vittoria, ma via via si è allargato alla provincia, mentre oggi a tutte le province italiane. Dal 2015 il premio è diventato biennale».

            Gilda Sciortino   

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...