Pums, rischio di nuova illegittimità

PUMSNon passa al vaglio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile), adottato nel 2019 dal Comune di Palermo. Con una nota del 10 aprile 2020, il Ministero conferma le numerose criticità sull’adeguatezza dei contenuti e anche sulla legittimità delle procedure, oggetto di un ricorso al Tar presentato da numerosi cittadini.

Ne dà notizia Nadia Spallitta, esponente di Europa Verde, sottolineando che, «in particolare, il Ministero ribadisce la necessità che si adotti un piano metropolitano, mentre l’attuale PUMS limita le sue indagini al territorio cittadino; inoltre ritiene inadeguati i contenuti a tal punto da attribuire un punteggio agli elaborati del Comune inferiore alla soglia minima necessaria per accedere ai finanziamenti statali».

Lo Stato, infatti, ha messo a disposizione delle città metropolitane circa 200 milioni per sviluppare infrastrutture e mobilità sostenibile; finanziamenti che il nostro Comune rischia di perdere se non si apportano con immediatezza le modifiche richieste dallo stesso Ministero e che riguardano l’analisi dei flussi, mancando altresì “un’appropriata descrizione dei livelli di saturazione”. Rileva il Ministero che nell’analisi dell’interazione domanda-offerta non sono stati analizzati in maniera adeguata, tra le altre cose, “i livelli di servizio e flussi per rete stradale TPL (Trasporto Pubblico Locale) e l’indice di utilizzo della sosta».

Spallitta

Nadia Spallitta

«Con una delibera di Giunta del 14 maggio 2020 – aggiunge la Spallitta – il Comune adotta un nuovo “PUMS” che, a nostro avviso, mantiene tutte le criticità del precedente provvedimento. In primo luogo sembra non rispettare le procedure prescritte dal DM 397/2017 che prevede:  la costruzione partecipata del piano, la preliminare valutazione ambientale strategica (vas),  la pubblicazione per 30 giorni del Pums adottato dalla Giunta per consentire eventuali osservazioni, l’adozione del piano che tenga conto delle osservazioni da parte del Consiglio Comunale.  Secondo noi, la violazione di queste disposizioni ha determinato l’illegittimità e l’inadeguatezza del PUMS, adottato nel 2019, inadeguatezza confermata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti».

Il rischio, quindi, è che anche il nuovo provvedimento sia illegittimo e carente. Da un primo esame, il nuovo PUMS (che l’amministrazione definisce anche integrazione del precedente) non sembra superare, infatti, le predette criticità, in quanto non è stato accompagnato da nessuna partecipazione; è tuttora sprovvisto di vas e non sembra prefigurare la successiva delibera di competenza del Consiglio.

«Per questi motivi, nell’interesse della città,  considerando la valenza ambientale che questo strumento comporta e, quindi, l’importanza che le analisi e i risultati possono avere in termini di qualità dell’aria, salute e qualità della vita – conclude l’esponente di Europa Verde – ci riserviamo di presentare un ricorso per motivi aggiunti, con lo scopo di dare un contributo affinché eventuali vizi dell’atto vengano tempestivamente sanati, garantendo un provvedimento idoneo al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale e acquisendo i finanziamenti statali già stanziati, che le scelte fino ad adesso inappropriate dell’amministrazione mettono a rischio».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...