Al Cambio Rotta, bene confiscato alla mafia, si ricorda Paolo Borsellino parlando di impresa e legalità

Cambio Rota, ad Altavilla Milicia

Cambio Rota, ad Altavilla Milicia

Inutile sottolineare che una giornata come questa, tutta dedicata al ricordo di coloro che il 19 luglio di 22 anni fa non tornarono più a casa dai loro cari, stia offrendo lo spunto a molti – singoli cittadini, ma anche realtà sociali impegnate a vario titolo per affermare i valori della legalità, della democrazia e della giustizia – per mettere in campo iniziative e attività di vario genere.

Per cominciare, alle 16, dunque in prossimità del minuto di silenzio, nell’attimo esatto in cui il tritolo “disperse” nell’aria le vite di 6 eroi, partirà un flash mob di pochi minuti per lanciare un messaggio chiaro e forte, che tuonerà alto in tutta via D’Amelio: “Mafia e silenzio uccidono, ma noi ci opporremo e resisteremo sempre”.  Sarà un momento, organizzato dalle Agende Rosse di Trapani che unirà tutti, desiderosi di dimostrare che, volendo, si può restare uniti e fare fronte comune contro la mafia. 

Fermo restando l’importanza di esserci, oggi, in via D’Amelio, anche per partecipare alle tante iniziative in programma, chi per vari motivi, ma anche per scelta deliberata, sarà dalle parti di Altavilla Milicia, alle 17 potrà partecipare al workshop, dal titolo “Il valore della legalità. Il ruolo dell’impresa sociale nell’attuale sistema economico e sociale”, che si terrà negli spazi del “Cambio Rotta”, bene confiscato alla mafia oggi centro culturale polivalente che dà lavoro a più di 10 persone.

«Nel giorno in cui ricorre l’anniversario della strage di via D’Amelio – afferma Davide Ganci, presidente del Consorzio Ulisse che gestisce questa realtà, sempre più in crescita – abbiamo voluto ricordare l’insegnamento di Borsellino sulla necessità di un’antimafia sociale capace di creare nei territori legalità nello sviluppo».

All’incontro, interverranno: Davide Ganci; Francesco Galante in rappresentanza della Cooperativa “Placido Rizzotto Libera”; l’associazione AddioPizzo; Amico Dolci, presidente del Centro per lo Sviluppo Creativo Danilo Dolci; Filippo Parrino, presidente della LegaCoop Palermo; Pino Ortolano, presidente di Confcooperative.

Modererà gli interventi Carmelo Pollichino, responsabile comunicazione dello stesso Consorzio. Seguirà un aperitivo preparato dallo chef del Cambio Rotta, Max Mangano, utilizzando i prodotti coltivati sui beni confiscati alle mafie.

Alle 19.30, invece, sarà possibile assistere alla proiezione del trailer del documentario “Il Dio delle Zecche”, sulla storia di Danilo Dolci. Chiuderà la giornata, contraddistinta dalla tensione di una ricorrenza sentita da tanti, il concerto live della band “Meglio Soul”, il cui inizio è previsto alle 22.

Bianca Palermo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...